Articoli taggati ‘bravofly’

Natale 2013, cresce la voglia di mete lontane

martedì, 10 dicembre 2013, 12:08

• Voli: i Paesi europei rimangano la meta preferita degli italiani per le vacanze natalizie (49% delle prenotazioni), ma cresce la quota di chi volerà più lontano (27% contro il 10% dello scorso anno)

• Pacchetti vacanze: è ancora “amour” tra italiani e Parigi, che si conferma la prima destinazione europea; New York rimane al top di quelle a lungo raggio

• Vacanze esclusive: la magia dei borghi

• Crociere: aumenta la durata del viaggio, fino a 11 giorni per le destinazioni extra Mediterraneo, che però a Natale raccoglie il 70% delle prenotazioni

• Ristoranti: si mangia italiano e si cercano le promozioni “scaccia crisi” con sconti fino al 40% sul menu natalizio

Chiasso, 10 dicembre 2013“Vediamo i primi segnali di ripresa per le prenotazioni del Natale e Capodanno. Dopo un periodo buio, cresce in maniera sensibile il numero degli italiani che trascorrerà le festività in viaggio. Scorrendo i dati delle prenotazioni su Volagratis si vede, un aumento delle prenotazioni del 20% rispetto allo scorso anno“. Lo afferma Fabio Cannavale, Executive Chairman di Bravofly Rumbo Group, commentando le evidenze dell’Osservatorio Volagratis per il periodo natalizio 2013, che analizza le ricerche e le prenotazioni effettuate sui siti che fanno capo a Bravofly Rumbo Group, specializzati nell’offerta online di soluzioni per il viaggio e il tempo libero.

Voli, aumentano i viaggi all’estero

Il 76% degli italiani volerà oltre i confini del Paese rispetto al 72% del 2012. La vera novità è la crescita delle prenotazioni su mete di lungo raggio: 27% rispetto al 10% dello scorso anno. Di contro, le città europee vedono diminuire il proprio peso al 49% dal 62% del 2012, mentre i voli nazionali scendono dal 28% al 24%: quindi più estero anche questa stagione per la maggior parte degli italiani.

Grafico 1: Le destinazioni per Natale/Capodanno 2013 (solo volo)

Se in estate sono le destinazioni spagnole a raccogliere la quota maggiore di prenotazioni a livello europeo, a Natale e Capodanno sono le città più a nord a conquistare il podio delle top 5. La classifica rimane sostanzialmente invariata rispetto al 2012 con Londra, Parigi, Amsterdam e Berlino che rimangono salde alle loro posizioni. Madrid segue invece la sorte di Barcellona, uscita lo scorso anno dalla classifica, e cede il quinto posto a Bucarest. La new entry della classifica si distingue per il prezzo più alto a tratta (€112), mentre Parigi è quella più conveniente (€91). In generale, i voli low cost sono scelti nel 56,2% dei casi (con una spesa media di €98) e quelli tradizionali nel 41,5% (€118), ma continuano a crescere i voli combinati che permettono di abbinare proposte di diverse compagnie aeree e categorie di voli, spendendo in media €105.

Grafico 2: top 5 destinazioni UE con prezzo a tratta

Per chi decide di rimanere in patria, i voli nazionali vedono prevalere ancora una volta la Sicilia: Catania e Palermo sono le prime destinazioni della top 5, rispettivamente con il 26,3% e il 12,8% delle prenotazioni. In generale, si spostano in Italia soprattutto le persone che, trasferitesi per motivi di lavoro in altre città, visitano la famiglia in occasione della festività. Questa tendenza è confermata dalla percentuale di chi viaggia da solo: secondo i dati dell’ Osservatorio Volagratis è ben il 40,6% di tutte le prenotazioni effettuate sul sito. Le coppie sono il 37,7%, i gruppi di amici il 13,7% e le famiglie, con uno o più minori, il 9%.

Tutte le destinazioni extra-europee vedono quest’anno un aumento delle prenotazioni. In particolare, a guidare la crescita dell’area asiatica, che passa all’8,4% dal 3,1% del 2012, è la Thailandia che da sola raccoglie un terzo delle prenotazioni verso questa regione. Trend positivo anche per i Paesi del Nord America, all’8,6% dal 3,6%: i viaggi si concentrano soprattutto su Stati Uniti con l’87,6% delle prenotazioni.

New York è la città a stelle strisce più richiesta dagli italiani: quasi 3 prenotazioni su 5 riguardano la Grande Mela, che anche nel 2013 è in vetta nella top 5 delle città extra-europee con un costo medio a tratta di €338. Confermano la propria presenza in classifica Bangkok (€438), che sale al secondo posto dal quarto dello scorso anno, e Miami (€472) che guadagna la quarta posizione. Dubai e Marrakech, rispettivamente seconda e terza lo scorso anno, escono dalla top 5 a favore de L’Avana (€477) e Casablanca (€164).

Grafico 3: Top 5 destinazioni extra-UE con prezzo a tratta

/>

Sulla base delle prenotazioni dei voli di andata e di ritorno, emerge che la maggior parte delle partenze si concentra intorno a Capodanno (34%). Sale quest’anno al 13% la percentuale di coloro che decidono di partire dopo Capodanno, e rimangono fuori una media di 6 giorni, approfittando degli sconti vantaggiosi post festivi.

Roma, la città italiana preferita dagli europei a Natale

Non solo partenze, ma anche arrivi da altri Paesi. Il nostro Belpaese continua ad essere meta ricercata dai turisti stranieri. Sono soprattutto i tedeschi (19,2%) e i russi (17,2%) che hanno scelto l’Italia come meta preferita per le proprie vacanze natalizie. Seguono gli inglesi (10,8%) e i francesi (9,9%).
Il fascino di Roma conquista soprattutto i tedeschi, francesi e spagnoli. Sorprende la quota di turisti russi che ha deciso di atterrare a Milano, ben il 64,1%, forse combinando lo shopping ad una vacanza in una località di montagna. Oltre al Colosseo e la Madonnina, ad attrarre i turisti stranieri sarà quest’anno anche Napoli, rinomata per i suoi presepi e le forti tradizioni natalizie.

Pacchetti vacanze, Barcellona e Berlino entrano nella top 5

Nelle soluzioni di viaggio che includono volo e hotel, Parigi si conferma la meta europea più richiesta anche nel 2013 con l’11,4% delle prenotazioni, in crescita dal 6,9% dello scorso anno. Budapest scivola dalla seconda posizione alla quinta, a pari merito con la nuova entrata Berlino (5,5%), e lascia il secondo posto ad Amsterdam (7,5%). Londra conferma la terza posizione (7,2%) mentre Barcellona esordisce nella top 5 al quarto posto, prenotata nel 6,5% dei casi. La durata media del soggiorno è di 3 notti e i costi a persona sono in linea con quelli dello scorso anno, variando dai €300 di Barcellona, Budapest, Berlino e Amsterdam ai €350 di Parigi, fino ai €400 di Londra. Si parte soprattutto tra Natale e Capodanno (56%), e in particolare il 33% delle partenze si concentra dal 28 al 30 dicembre. Cresce inoltre la quota di chi viaggia nella prima settimana del nuovo anno, dal 15% al 20%.

Anche nei pacchetti vacanze, New York è la destinazione di lungo raggio prediletta dagli italiani e raddoppia il peso sul totale venduto rispetto al 2012, con un prezzo medio a persona attorno ai €1.000 per un soggiorno di 6 giorni. In ripresa le prenotazioni su Sharm el Sheik dopo il nuovo rallentamento registrato a partire dal periodo estivo. Il costo medio a persona per 9 notti tra Natale e Capodanno si aggira attorno ai €900.

Vacanze Esclusive in un borgo o lungo il mare

Hotelyo, il brand di altagamma di Bravofly Rumbo Group specializzato nell’offerta di luxury hotel, segnala che gli italiani che non oltrepasseranno il confine sempre di più scelgono hotel particolari per festeggiare il Capodanno. Le prenotazioni più richieste su Hotelyo sono un hotel di Sorrento con vista mare, un albergo diffuso in un borgo abruzzese e alloggi in Alto Adige. Le permanenze sono soprattutto di 3 notti e preferibilmente con il cenone incluso.

Crociere, l’area Occidentale vince il “derby Mediterraneo”

Le prenotazioni effettuate sul sito Crocierssime.it mostrano una netta preponderanza del Mediterraneo Occidentale: gli itinerari più scelti sono quelli che portano alla Costa Azzurra, Barcellona, Isole Baleari e Tunisia. Nel 2012 era stata l’area Orientale a farla da padrone con viaggi verso la Turchia, Creta e Isole Greche. In generale, quest’anno il Mediterraneo rappresenta il 70% delle partenze a Natale, mentre a Capodanno vede scendere la propria quota al 55% a favore di Dubai (20%), Caraibi (13%) e Isole Canarie (6%).
Le crociere dureranno più del solito: in media 9 giorni a Natale contro i 7 del 2012, arrivando a sfiorare i 10 a Capodanno per il maggior peso delle destinazione extra-mediterranee. Il prezzo medio per una crociera di 7 giorni sul Mediterraneo è di €630 a persona; si sale a €1.500 per le mete extra-mediterranee. Nello specifico, la spesa media per visitare i Caraibi è pari a €1.800 (incluso volo e prima notte in hotel); più convenienti Dubai/Emirati Arabi e le Canarie, rispettivamente €1.400 e €1.140, che comprendono anche il volo.

Ristoranti, per il Cenone vince la tradizione

Le festività natalizie sono ancora sinonimo di cucina italiana, in grado di metter d’accordo tutti i palati: solo il 19% delle prenotazioni per pranzi di Natale e cenoni sulla piattaforma di 2Spaghi.it riguardano ristoranti etnici, orientali in testa.
Il “ristorante” classico è la categoria più richiesta a Natale, in particolare quello in località di montagna. A Capodanno vincono i locali come le enoteche e pub che offrono, oltre alla cena, l’opportunità di continuare la serata in un’unica location. Convivialità e ottima cucina sono gli ingredienti chiave per cene e pranzi in agriturismo, una categoria particolarmente apprezzata nel Centro Italia per il cenone.
Il prezzo medio per queste feste oscilla tra i €70 e i €130, il 40,5% in più rispetto al resto dell’anno. Tuttavia sono molte le promozioni “scacciacrisi” proposte dai ristoratori, che includono sconti fino al 40% o menù fissi tra i €40 e i €70. Anche gustare una cena o pranzo “stellato” può costare meno rispetto agli scorsi anni: il prezzo medio nel 2013 varia tra €90 e i €200 a pasto. Il menu “unico” scompare per lasciare spazio ad alternative, anche per persone con intolleranze alimentari o per chi ad esempio è vegetariano.

Comparatore di informazioni sui voli, un fattore di successo

lunedì, 13 ottobre 2008, 17:10

Intervista a Marco Corradino, co-fondatore di Volagratis e del Gruppo Bravofly, all’Internet Tour organizzato da Codice Internet, il 3 Ottobre 2008 presso il Teatro dell’Arte a Milano.

L’opportunità della comparazione su Internet è sempre stato un sogno per i programmatori e i consumatori, per il desiderio di poter mettere insieme tutto per poter comparare tutto.
Purtroppo siamo ancora lontani da questo obiettivo soprattutto per certe tipologie di prodotti turistici, come per esempio le vacanze (il pacchetto); per gli alberghi solo in parte, per le auto siamo ancora molto lontani.

Sui voli si è invece sviluppato negli ultimi tre anni uno scenario nuovo, come quello del sito Volagratis per l’Italia e dei siti Bravofly negli altri paesi, che nascono come comparatori.

Cosa fa un comparatore? Qual è il suo valore aggiunto?
Considerando che il valore aggiunto della rete è l’informazione. Le persone sono spaventate dall’informazione e dal fatto che l’informazione sia un costo. La gente è disposta a pagare questo costo solo quando l’informazione diventa un valore.
Per fare un esempio: se dai a una persona interessata il compito di leggere tutti i giorni la Gazzetta dello Sport o le cronache delle partite, lo farà volentieri perché le piace, si diverte e non lo vede come un costo, ma magari ne vuole in più. Se si dà lo stesso compito a persone non interessate allo sport, per loro questa acquisizione di informazioni è un costo, tanto che vorrebbero essere pagate. Assimilare il gergo o la quantità di informazioni che c’è in un articolo sportivo è infatti un vero e proprio costo.

La stesso problema è per tutte le cose: le persone non vogliono informazioni, le persone vogliono sintesi di informazioni. Tenere la semplicità è la chiave del successo in questo ambito.
Ecco cosa fanno i comparatori: fanno in parallelo delle azioni utili, che i consumatori dovrebbero fare in sequenza. Cioè se per andare da Milano a Parigi un viaggiatore volesse comparare il costo del volo con Alitalia, con Lufthansa, con Easyjet e con Ryanair, dovrebbe aprire 4 siti e segnarsi tutte le possibilità. Con Volagratis siamo noi che facciamo questo viaggio sui vari siti per raccogliere le informazioni, le mettiamo tutte insieme, e lo facciamo in modo intelligente, cioè utilizzando i filtri. Una volta ottenuti i risultati della ricerca, se per esempio non mi interessano i voli con partenza al mattino, con un click posso toglierli dall’elenco dei risultati.

Oggi abbiamo fatto un grande passo in avanti anche grazie alle nuove possibilità della Rete. Se tre anni fa c’era un problema di banda, che rendeva difficile mettere insieme 1800 voli, ora grazie alla banda larga il nostro lavoro è molto più semplice e gli utenti riescono a trarre vantaggio da questa offerta intelligente di informazioni.

La comparazione è ormai evoluta nel settore dei voli, mentre negli altri settori c’è ancora tanto da lavorare. Per comparare non basta l’idea e non bastano i programmatori, ma bisogna avere qualcosa da comparare. Vi è quindi la necessità che le società mettano a disposizione dei dati da comparare, come oggi fanno le compagnie aeree.

Fonte: Blogosfere

Perchè prenotare le vacanze online

lunedì, 22 settembre 2008, 14:33

Intervista a Marco Corradino, co-fondatore di Volagratis e del gruppo Bravofly, ospite di Codice Internet al Milano Ottagono, il 18/09/2008.

La rassegna “Internet in 50 Minuti” spiega ogni giorno casa vuol dire navigare il Web e dà consigli pratici per diventare digitali. Marco Corradino parla di viaggi e vacanze da prenotare online.

Quali sono le mete online più gettonate oggi?
Vista la bassa stagione in cui siamo, le più prenotate sono sicuramente le capitali europee, soprattutto le più prossime  come Parigi, Londra, Barcellona, Berlino, Madrid, e le destinazioni raggiungibili al venerdì o al sabato mattina in un’ora, un’ora e mezza di volo. Peraltro nel mese di settembre i prezzi sono molto interessanti, poiché essendo fuori stagione anche le compagni e low cost non sono pienissime e i biglietti si vendono molto bene. Un classico resta lo spostamento tra Nord e Sud Italia perché nel nostro Paese chi va dal nord al sud si sposta in aereo.

Come si è sviluppato negli ultimi anni il viaggio online e quali sono i prossimi obiettivi?
Vista la crescita della biglietteria aerea online come fenomeno consolidato anche nel nostro Paese, con una penetrazione sul consumatore molto più alta rispetto agli altri prodotti turistici, credo che nei prossimi anni assisteremo alla crescita della vendita anche degli altri prodotti turistici sul web come gli alberghi, un mercato già molto interessante, le vacanze e le auto a noleggio online. Si arriverà nel giro di una decina d’anni, al fatto che i consumatori potranno costruirsi il loro pacchetto di viaggio sul web in totale autonomia.

Un messaggio per chi diffida ancora per l’acquisto online dei viaggi
Il messaggio è molto semplice! Bisogna provare una volta! I voli low cost costano anche 10 o 20 euro, quindi è un rischio che si può correre! Alla fine il consumatore che utilizza la rete, scopre la comodità e la semplicità di farlo, e non torna più indietro.

Fonte: Blogosfere

La variazione del prezzo medio per segmento sulle rotte nazionali e internazionali più prenotate dal sito Volagratis

venerdì, 5 settembre 2008, 15:11

L’Osservatorio Voli ha analizzato le prenotazioni effettuate da luglio 2007 a luglio 2008, relativamente alle rotte più prenotate sul sito Volagratis.com e ha rilevato le variazioni dei prezzi medi per segmento delle diverse compagnie, sia di linea che low cost, che effettuano le suddette tratte.

Si registrano in generale aumenti del prezzo medio per segmento di carattere stagionale quasi per tutte le compagnie e generalmente su tutte le tratte. Il mese in cui i prezzi sono più alti a causa della stagionalità è sempre Luglio.

Le rotte nazionali
Sulle tratte nazionali la compagnia  AirOne è quella con tariffe più alte, e anche in crescita soprattutto sulle tratte Roma Catania, Milano Palermo e Milano Olbia.  Le più competitive sono invece EasyJet e WindJet, le cui tariffe sono comunque in leggera crescita su quasi tutte le tratte analizzate.

Le rotte internazionali
Sulle rotte internazionali analizzate è evidente la forte competitività di Ryanair che pur registrando un incremento dei prezzi medi per segmento, resta sempre la compagnia con le tariffe più vantaggiose.
Se si paragonano i medi corrispondenti Luglio ’07 rispetto a Luglio ’08, i prezzi di molte compagnie tradizionali soprattutto sulle tratte internazionali sono in diminuzione a causa dell’accresciuta competizione delle compagnie low cost. I prezzi di quest’ultime sono in leggero aumento ma sempre del 30% / 50% più bassi dei prezzi delle compagnie tradizionali. Grazie a questi prezzi competitivi la quota di mercato delle compagnie low cost è in continuo aumento.
(continua…)

Il progetto innovativo del gruppo Bravofly

lunedì, 4 agosto 2008, 10:55

Intervista a Marco Corradino, co-fondatore di Bravofly, per la trasmissione radiofonica “Les visiteurs du jour” di Radio France Intarnationale del 22/07/2008, a cura di Dominique Desaunay.

RFI si occupa di voli online
Chiunque al giorno d’oggi riconosce il ruolo preponderante che ha Internet nell’organizzazione dei viaggi: la maggior parte delle persone che hanno viaggiato negli ultimi 12 mesi hanno utilizzato Internet per scegliere, organizzare o acquistare un viaggio.
Tra i siti di viaggio Bravofly ha un progetto innovatore nell’ambito del turismo online: sviluppare le migliori tecnologie a servizio dei consumatori integrando in una sola applicazione tutte le funzionalità per trovare, scegliere e prenotare il viaggio ai prezzi più vantaggiosi. RFI intervista il co-fondatore di Bravofly, Marco Corradino.